Gasperini: “Il Psg? Manca tanto, ora pensiamo alla Juve”

Vissuta l’emozione del sorteggio di Champions League, adesso per l’Atalanta la testa va nuovamente al campionato. Si può riassumere così la conferenza stampa pre-partita di Gian Piero Gasperini in vista della gara di domani contro la Juventus. I nerazzurri questa mattina hanno conosciuto la loro avversaria nei quarti di Champions:

Il Paris Saint Germain è una squadra importante, di quelle che punta a vincere la coppa, sarà una grande emozione In questo momento, però, siamo costretti a calarci sul campionato. Per pensare alla Champions ci sarà tempo.

http://gty.im/1224891915

Gasperini non vuole cali di concentrazione, anche perché la sfida contro la formazione di Maurizio Sarri sarà un importante banco di prova:

Sarà una partita fondamentale in previsione Champions per capire la nostra consistenza, i bianconeri sono un’altra candidata alla vittoria della coppa. Cercheremo di affrontarli con attenzione e concentrazione. Ci aspettiamo una Juventus che avrà la voglia di chiudere il campionato il più in fretta possibile. La squadra sta molto bene, veniamo da un periodo eccezionale di risultati e prestazioni, vogliamo continuare su questa strada. Per noi è fondamentale fare ancora punti per qualificarci alla prossima Champions.

Gasperini tra Psg e Juve

L’attenzione dei tifosi, però, in questo momento è rivolta completamente alla storica sfida contro il Psg di Neymar e Mbappé, ma probabilmente ancora una volta gli spalti dovranno restare vuoti:

Noi speriamo ancora ma sembra ancora difficile che sia un po’ di pubblico. Ce lo auguriamo ma se così non fosse sappiamo che i nostri tifosi, anche dalla tv, ci daranno il loro sostegno.

Circa la formazione, Gasperini avrà la più titolare possibile, in testa Pasalic largo sulla trequarti con Gomez se si optasse per la formula a punta unica con Zapata terminale e il non prontissimo Ilicic, tornato titolare dal lockdown solo tre giorni fa, in panchina. In difesa rientra dalla squalifica Palomino, che a rigore dovrebbe fare la staffetta a Caldara, 4 partite filate, tra Toloi e Djimsiti.

Ibrahimovic: “Milan? Non lo so, io non lotto per il sesto posto”

Zielinski: “Con Gattuso il Napoli lotterà per lo Scudetto”