Cristiano Ronaldo e Ibrahimovic già si allenano in campo

Prima Zlatan, poi CR7. Un campione tira l’altro, come le ciliege. Ibrahimovic ha assaporato l’ebbrezza del rettangolo verde, allenandosi con l’Hammarby – la squadra svedese della quale è anche azionista. E nello stesso giorno anche Cristiano Ronaldo non ha resistito al richiamo del campo.

Migliaia di chilometri più a sud della Penisola scandinava, in Portogallo, CR7 si è messo sotto, sostenendo una vera e propria seduta atletica con il pallone nello stadio del Naciolal de Madeira, squadra della Serie B lusitana.

Dal 9 marzo l’attaccante juventino si trova nella ‘sua’ Madeira, dove è rimasto vicino alla madre malata, per seguirne la riabilitazione; poi ha dovuto farlo nel rispetto dei vincoli governativi.

Ibrahimovic e Cristiano Ronaldo già in campo

Ibrahimovic e Cristiano Ronaldo in campo

La prossima settimana dovrebbe avvenire il rientro in Italia, è probabile che le squadre tornino al lavoro di gruppo, sia pure con le dovute cautele.

In Italia non ci si può allenare all’aperto, ma Ibrahimovic ha approfittato del ‘buen ritiro’ in Svezia per ricominciare a fare sul serio e presentarsi nelle migliori condizioni quando (e se) riprenderà l’attività agonistica.

Da lunedì la ‘sua’ squadra, l’Hammarby Club, tornerà a lavorare a ranghi compatti e a quel punto Ibrahimovic potrebbe già preparare il ritorno in Italia.

Gli altri giocatori continuano invece ad allenarsi nelle proprie abitazioni: Pioli e il suo staff hanno organizzato quattro diversi programmi – con sedute di circa 70′ – da seguire sette giorni su sette. I giocatori rossoneri in tutto questo vengono costantemente seguiti anche da un nutrizionista.

Dopo José Mourinho, sorpreso ieri in parco di Londra a dirigere l’allenamento del Tottenham, oggi è toccato alle stelle del calcio ritrovare l’approccio con l’odore dell’erba.

Chance che però hanno solo quelli che hanno lasciato l’Italia e godono di situazioni controcorrente rispetto alle restrizioni da pandemia attuate nel nostro paese. 

Ulivieri: “In campo se gente ha bisogno di distrarsi”

Coronavirus, Scozia ferma fino al 10 giugno