Ibrahimovic: “Milan? Non lo so, io non lotto per il sesto posto”

Non lo dice chiaramente ma fosse per lui resterebbe un altro anno. La palla, però, è nella metà campo di Gazidis. Dal suo arrivo, Zlatan Ibrahimovic ha cambiato volto al Milan e, come detto anche dopo la vittoria in rimonta con la Juve, ha ribadito il concetto:

Se fossi stato qui dal primo giorno avremmo vinto lo scudetto. Se mi tengono lo vinciamo il prossimo anno. Non è una promessa, non c’è garanzia. Per quello devi parlare con Mino.

http://gty.im/1254988195

Sorride lo svedese, intervistato da Sky e Sportmediaset:

Io mi diverto ancora in campo, ma non gioco per un contratto. Gioco per raggiungere obiettivi che mi diano stimoli: il prossimo anno non so se resto. Se mi aspetto una chiamata? Non so ma sinora non è arrivata. Vediamo, ho ancora 3 settimane di contratto. Nessuno ha iniziato a parlare da parte mia o dal Milan. Al Milan non si sa nulla del futuro adesso. Giochiamo e finiamo meglio possibile, poi vediamo.

Ibrahimovic parla del futuro al Milan

Le condizioni perché però questo matrimonio possa andare avanti sono due: Ibrahimovic deve sentire di poter essere ancora decisivo e la squadra deve puntare in alto.

Continuo a giocare solo se posso portare risultati. Non sono una mascotte. Continuo solo se posso fare la differenza. Giocare tanto per giocare non mi serve, quello posso farlo con i miei figli.

Poi Ibrahimovic affonda il colpo:

Questo non è il mio Milan, ora tutto viene fatto in maniera differente, gli obiettivi non sono più quelli di una volta, quelli del Milan che io continuo ad avere in testa. Io voglio rivedere quella squadra che lotta per lo scudetto e per la Champions. Dipende dal club, non solo da me. Il mio obiettivo non è arrivare sesto o settimo. In questa situazione volevo andare al Milan per aiutare. Mi hanno detto che ero l’unico che poteva farlo ed eccomi qui. Sto facendo quello che posso, per il prossimo anno vediamo.

Si parla tanto della guida tecnica della squadra: quella di Rangnick è più di un’ombra sulla panchina di Pioli:

Non lo conosco e non so se arriva. A noi non hanno detto nulla. Non so se è ufficiale.

Sarri: “L’Atalanta è una realtà. Sarà come andare dal dentista”

Gasperini: “Il Psg? Manca tanto, ora pensiamo alla Juve”