Infortunio Ibrahimovic, comunicato del Milan

Buone notizie per il Milan, l’infortunio di Zlatan Ibrahimovic sembra essere meno grave del previsto. A comunicarlo ci ha pensato direttamente il club rossonero con una nota ufficiale pubblicata sul sito internet:

AC Milan comunica che Zlatan Ibrahimović nell’allenamento di ieri ha riportato una lesione del muscolo soleo del polpaccio destro. Il tendine achilleo è perfettamente integro. Un esame strumentale di controllo verrà effettuato fra 10 giorni.

L’allungo nella partitella, la fitta al polpaccio e la smorfia di dolore avevano fatto pensare al peggio. Nel primo giorno di allenamenti intensi e in gruppo, era suonato forte il campanello d’allarme per il campione svedese. Si tratta del primo giocatore di alto profilo della Serie A a pagare la lunga pausa del campionato. L’attesa dei controlli clinici di questa mattina ha tenuto con il fiato sospeso e dita incrociate a Milanello. Ibrahimovic zoppicava vistosamente ed era apparso scuro in volto nel momento in cui ha lasciato il centro sportivo in macchina, senza stampelle.

Embed from Getty Images

Milan, il comunicato su Ibrahimovic

In ogni caso si tratta di una brutta tegola per Pioli, al quale rimarranno solo Leao e Rebic come attaccanti di ruolo e 12 giornate per inseguire un posto in Europa League. A Ibrahimovic, 39 anni da compiere a ottobre, non è quindi bastato allenarsi in Svezia per tre settimane di fila con l’Hammarby – la squadra della quale è dirigente – per evitare un pesante ko fisico.

Quel lavoro non gli è servito per evitare un pesante contrattempo: non un bel segnale per i colleghi. Il polpaccio per lui resta una zona delicata: il gemello gli aveva già dato problemi allo svedese a febbraio, costringendo a saltare la gara contro il Verona e giocare in non perfette condizioni il derby perso in rimonta con l’Inter.

Uno stop che potrebbe anche avere conseguenze sul suo futuro. Lo svedese resta infatti sempre in attesa di un contatto con Ivan Gazidis: Ibrahimovic non si preclude la possibilità di restare al Milan per un altro anno ma vuole ascoltare il progetto rossonero – in attesa dell’arrivo di Rangnick – e le prospettive sul ruolo in squadra prima di prendere una decisione definitiva. Un bivio per Ibra, un bivio per il Milan.

La leggenda urbana sul finale alternativo di Holly e Benji

Jean-Bart, Haiti

Abusi, FIFA sospende presidente Haiti