Conte: “Mi attaccano perché creo aspettative. E su Messi…”

“Sarà un bel test per capire dove siamo. È bello finire così con questa partita”. Dopo aver battuto il Napoli, Antonio Conte è proiettato all’ultima giornata di campionato della sua Inter, lo scontro diretto contro l’Atalanta per il secondo posto.

Embed from Getty Images

Poi ha parlato della possibilità di vedere il fenomeno argentino del Barcellona, Leo Messi, in maglia nerazzurra. Una suggestione che si è nuovamente alimentata dopo che la tv cinese di Suning ha proiettato un’immagine della Pulce sul Duomo di Milano per presentare la gara tra Inter e Napoli.

Meglio acquistare solo Messi o 4 giocatori da 50 milioni? Penso che sia improponibile sia l’una che l’altra cosa. È più facile spostare il Duomo che portare Messi da noi… In questo momento mi tengo molto stretti tutti i ragazzi, che mi stanno dando molte soddisfazioni e stanno buttando il cuore oltre l’ostacolo.

Conte sulle aspettative e la possibilità Messi

Conte, intervistato da Sky Sport dopo il 2-0 contro il Napoli, ha continuato:

Abbiamo affrontato una squadra forte, che in questi anni è stata l’unica a dare fastidio alla Juventus. Abbiamo fatto una buonissima partita, non era semplice farlo dopo la vittoria dell’Atalanta a Parma, obbligati a fare tre punti – ha notato -. Abbiamo dato una risposta da squadra compatta.

L’allenatore nerazzurro ha spiegato:

Nella scelta delle formazioni contro Genoa e Napoli abbiamo fatto dei calcoli per arrivare alla partita con l’Atlanta con un po’ di riposo. Vedo il bicchiere mezzo pieno, sono contento che ci sia la possibilità di recuperare un po’ di più che nell’ultimo periodo.

Antonio Conte ha poi proseguito:

Mi rendo conto di portare delle aspettative, qualcuno può pensare che arrivo e come tocco vinco: è successo in passato, però…. mi rendo anche conto di essere una persona che viene spesso attaccata. Ma a me dispiace, perché sono sempre una persona onesta e sincera, ci metto grande passione. Mi dà fastidio quando si raccontano cose ad arte per attaccare la mia persona.

Golf Eurotour: nell’Hero Open Renato Paratore cerca il bis

Gianni Infantino, presidente FIFA

FIFA, arriva il “Piano Marshall” salva-calcio da 1,5 miliardi