Inter, Conte: “Non entro nelle vicende del club, ho altri compiti”

Antonio Conte, tecnico dell’Inter, alla vigilia della sfida contro la Roma ha parlato in merito alle voci sul club e la questione stipendi:

Non entro in questo discorso, è delicato. Se e quando qualcuno lo vuole fare è giusto che lo facciano altre persone. Noi pensiamo a lavorare, ad essere concentrati sul campo e a dare tutto noi stessi per l’Inter. Questo è l’unico obbligo in questo momento per noi. Da adesso fino alla fine della stagione.

Embed from Getty Images

Per quanto riguarda la rosa e le operazioni di mercato, poi, Conte prosegue così:

Vecino sta lavorando a parte e si sta integrando con la squadra. Serve ancora un po’ di tempo. Sapete bene cosa ho detto in passato. Non ci saranno entrate, non ci saranno uscite. Appena starà bene sarà integrato con il gioco della squadra. E’ un giocatore dell’Inter a tutti gli effetti.

Inter, Conte: “Non entro nelle vicende del club, ho altri compiti”

Si passa a parlare del momento attuale dell’Inter in campionato:

L’anno scorso partivamo forte e poi calavamo e ci facevamo superare. Quest’anno se sta capitando l’opposto non lo so. Non so se c’è una spiegazione. Gli approcci alle partite sono stati sempre giusti, anche contro la Sampdoria abbiamo dominato l’inizio e siamo andati sotto di due gol. Devo vedere sempre che tipo di atteggiamento viene con il pronti-via. E’ sempre stato giusto. Poi questo dipende anche dalle annate.

Conte parla poi del rapporto con Vidal:

Si è allenato nella giusta maniera con grande attenzione e determinazione. A volte uso la carota e a volte ci può stare anche il bastone. Ma sempre perché io voglio bene al calciatore e alla squadra. Arturo mi conosce benissimo, sa che se c’è qualcosa che non mi è piaciuta non giro la testa e fa finta di niente.

Roma, Fonseca

Roma, Fonseca: “L’Inter? Preparata come tutte le altre partite…”

Fossati 2

“Sei grassa come un maiale”. Squalifica di 3 anni per mister Fossati