Juve, ecco Cristiano Ronaldo: atteso alla Continassa

Di nuovo ad allenarsi alla Continassa, stavolta con Cristiano Ronaldo in più. La Juventus è pronta alla Fase 2 del calcio, anche se sono ancora molti i punti del protocollo sicurezza da discutere. Dall’eventuale quarantena in caso di giocatore positivo al Covid-19, al ritiro.

In attesa di indicazioni precise, i bianconeri non intendono comunque perdere tempo. L’obiettivo è quello di riprendere la stagione vincendo, proprio come l’aveva interrotta. E per questo motivo si metteranno subito al lavoro agli ordini di Maurizio Sarri, per quanto ancora a gruppetti e mantenendo le distanze di sicurezza.

All’orizzonte ci sono un primo posto da difendere in campionato, oltre al ritorno degli ottavi di Champions League e alla semifinale di ritorno di Coppa Italia. Per proseguire il cammino nelle Coppe la Juve, che ha vinto 2-0 con l’Inter l’ultima partita di campionato, riparte dalla sconfitta per 1-0 contro il Lione in Champions e dal pareggio 1-1 contro il Milan in Coppa Italia.

Embed from Getty Images

Juventus, Cristiano Ronaldo atteso alla Continassa

Alla Continassa è atteso, domani o al più tardi martedì, anche Cristiano Ronaldo. L’asso portoghese terminerà proprio domani i 14 giorni di quarantena dal rientro dalla sua Madeira, e mister e compagni non vedono l’ora di rivederlo al primo giorno di lavori collettivi.

Per gli altri stranieri, bisognerà invece aspettare ancora qualche giorno. Da mercoledì si rivedranno Matuidi e Khedira, giovedì torneranno Douglas Costa, Danilo e Alex Sandro, mentre gli ultimi ad aggregarsi saranno Rabiot e Higuain, da poco rientrati in Italia.

A disposizione di Dybala e compagni, prima e dopo l’allenamento, ci sono le camere del JHotel, l’albergo bianconero a due passi dal centro sportivo. Una struttura all’avanguardia, che permetterà alla Juventus di essere pienamente in regola nel caso il ritiro diventasse obbligatorio per riprendere il campionato. Tra il JHotel e la Continassa, infatti, c’è un tunnel sotterraneo che permette il trasferimento dei giocatori senza incontrare altre persone.

Spalletti: “Con Totti buon rapporto. E su l’Inter…”

Milan, Ibrahimovic è sempre più lontano