Paratici Juventus
Paratici Juventus

Juventus, Paratici saluta: ufficiale il contratto non rinnovato

Ufficiale il divorzio tra la Juventus e Paratici. Il club bianconero lo annuncia con una nota sul sito web:

Dopo undici stagioni di lavoro intenso, di vittorie e di grande passione sul campo e dietro alla scrivania, Fabio Paratici, managing director Football Area della Juventus, lascerà il club. Il suo contratto, in scadenza il 30 giugno 2021, non sarà rinnovato.

Il dirigente bianconero e il presidente della Juventus Andrea Agnelli si sono incontrati oggi alla Continassa. Paratici era entrato nella Juventus nell’estate del 2010, arrivando dalla Sampdoria.

Embed from Getty Images

Juventus, Paratici saluta: ufficiale il contratto non rinnovato

Nominato dapprima coordinatore dell’Area Tecnica, poi direttore sportivo dalla stagione 2011-2012, nel 2018 è diventato Chief Football Officer, nel momento in cui Beppe Marotta ha lasciato il club bianconero per passare poi all’Inter.

Sono stati anni bellissimi, di crescita professionale e di forti emozioni. La Juventus mi ha concesso l’opportunità di svolgere la mia attività in piena libertà e senza condizionamenti nel pieno rispetto del mio ruolo. Per questo desidero ringraziare tutto il club, il mio staff, i dipendenti, i collaboratori, i calciatori, gli allenatori, gli azionisti, e, in particolare, il Presidente, Andrea Agnelli. Si chiude un capitolo importante della mia carriera, in attesa di nuove sfide.

E lo stesso Agnelli ha ringraziato pubblicamente il dirigente:

Paratici ha scritto in questi anni la storia della Juventus. Un percorso di crescita caratterizzato da professionalità, abnegazione e tanti successi. Diciannove trofei in 11 anni sono la miglior testimonianza del suo lavoro, che si iscrive appieno nella lunga tradizione del nostro club. Oggi è il momento di ringraziarlo per aver saputo creare un forte legame professionale, accompagnato dalla passione quotidiana.

Andrea Agnelli all'ECA

Superlega: Juventus, Barcellona e Real rispondono alla Uefa

Real Madrid, Zidane rassegna le dimissioni: i possibili sostituti