La Lazio crolla 2-1 con il Sassuolo, addio sogni scudetto

La Lazio si spegne da sola e nel primo match della 32/a giornata all’Olimpico si arrende anche al Sassuolo. In vantaggio con un gol di Luis Alberto al 33′ del primo tempo, i biancocelesti si arrendono nella ripresa alle reti dell’esordiente Giacomo Raspadori e del solito Caputo nei minuti di recupero.

Embed from Getty Images

Quarta vittoria consecutiva per De Zerbi, terzo ko di fila invece per Simone Inzaghi che ora dovrebbe guardarsi di più alle spalle – con l’Atalanta a un soffio – nella lotta per la Champions:

I ragazzi – ha spiegato Inzaghi – hanno messo tutto quello che avevano in campo, purtroppo in questo momento non basta, l’episodio non ti premia. Probabilmente a Lecce e con il Sassuolo il pareggio sarebbe servito a poco, ma almeno non avresti portato a casa due sconfitte. Dobbiamo fare tutti quanti di più. Questi giorni stiamo stati insieme, abbiamo parlato tanto con i ragazzi. Non dobbiamo disunirci, ho i soliti 9-10 che vanno in campo. Milinkovic, Leiva e Cataldi purtroppo hanno problematiche importanti e in questo momento mi stanno cercando di dare tutto. Non basta perché le partite le perdiamo.

La Lazio crolla 2-1 con il Sassuolo, addio sogni scudetto

L’allenatore della Lazio ha poi proseguito la sua analisi:

Non dobbiamo mollare, dobbiamo fare qualche punto importante. Non ci sono rientri in vista, ci sta che giochi e perdi contro il Sassuolo che ha la possibilità di cambiare 9 giocatori su 11, tu invece hai fatto il copia e incolla di Lecce, con Lukaku che è tornato pochi giorni fa. Stanno cercando di darci tutto, non dobbiamo mollare e dobbiamo guardare avanti cercando di ricompattarci. Speriamo di recuperare qualcuno. Giocando ogni due giorni e mezzo dobbiamo far anche rifiatare, si perde lucidità. Il calcio è fatto anche di scelte e in questo momento si vede che non siamo lucidi sia nelle scelte in difesa che in attacco.

Il tabellino di Lazio-Sassuolo 1-2

Reti: 33’pt Luis Alberto, 7’st Raspadori. 46’st Caputo

Lazio: Strakosha; Bastos, Acerbi, Radu (37’st Vavro); Lazzari, Milinkovic-Savic (21’st Leiva), Parolo, Luis Alberto (37’st Adekanye), Lukaku (1’st Jony); Immobile, Caicedo (15’st Cataldi). Allenatore: Inzaghi. A disposizione: Guerrieri, Proto, Falbo, D.Anderson, Armini, Luiz Felipe, A.Anderson.

Sassuolo: Consigli; Toljan (1’st Muldur), Marlon, Ferrari, Kyriakopoulos; Bourabia, Locatelli; Traorè (1’st Caputo), Djuricic (23’st Haraslin), Boga (34’st Rogerio); Raspadori (43’st Magnani). Allenatore: De Zerbi. A disposizione: Pegolo, Chiriches, Peluso, Ghion, Magnanelli, Manzari, Berardi.

Arbitro: Di Bello. Note. Ammoniti: Parolo (L), Immobile (L), Muldur (S), Bastos (L), Ferrari (S), Leiva (L).

Il primo colpo di calciomercato nella storia

Il primo colpo di calciomercato della storia

A Brescia altra vittoria per la Roma, ritorno al gol per Zaniolo