Lazio
Lazio Claudio Lotito

Lazio, Lotito: “Non ho fatto alcuna graduatoria dei nostri tifosi”

Claudio Lotito, presidente della Lazio, “vorrebbe più tifosi allo stadio”, “non ha espresso graduatorie di merito” e ribadisce la convinzione che i sostenitori della Lazio non abbiano “nulla da imparare da quelli della Roma”.

Con una nota sul suo sito, la società biancoceleste interviene dopo le polemiche suscitate dalle dichiarazione rilasciate giovedi’ sera da Lotito, sottolineando l’errata “interpretazione” di alcuni media.

“I titoli di alcuni quotidiani, uno in particolare che usa un virgolettato inesistente, sull’interpretazione delle parole del presidente Lotito faranno forse vendere qualche copia in più sotto l’ombrellone e animeranno il dibattito sulle radio e sui social, ma fanno anche venire più di un dubbio sulla qualità e sull’obiettività dell’approfondimento giornalistico sportivo”, esordisce il club.

Embed from Getty Images

Lazio, Lotito: “Non ho fatto alcuna graduatoria dei nostri tifosi”

Il quale spiega come Lotito a Viterbo abbia ribadito “un’opinione già più volte espressa: che vorrebbe più tifosi allo stadio, essendo la loro spinta decisiva per quelle vittorie e quei traguardi che negli anni alla Lazio non sono mancati”.

Lotito quindi “non ha espresso graduatorie di merito”, bensì “ha sottolineato che il calcio si anima solo con la passione della gente”.

La Lazio poi prosegue sottolineando che i suoi tifosi “non hanno nulla da imparare da quelli della Roma”, e conclude il comunicato condividendo il succo di un commento social che meglio di altri racchiude “lo spirito e le parole” di Lotito: “Pungolare e criticare anche aspramente la Società può essere costruttivo se fatto con serietà e obiettività. Attaccarsi ad ogni frase e ad ogni termine, interpretandoli in modo personale e non veritiero, invece, apre solo la strada ai tanti avversari sportivi (e non solo) della Lazio”.

Formula 1, Hamilton: “Sto lavorando per un film con Brad Pitt”

Borussia Monchengladbach Inter pagelle

Calciomercato, ct Belgio su Lukaku: “Vuole giocare e sentirsi importante”