Luis Alberto
during the Serie A match between SS Lazio and Torino FC at Stadio Olimpico on October 30, 2019 in Rome, Italy.

Lazio, Luis Alberto: “La svolta con l’Atalanta”

Luis Alberto, centrocampista biancoceleste, è intervenuto ai microfoni di Lazio Style Channel per parlare di come sta vivendo questa emergenza legata al coronavirus:

Sto bene, sono tranquillo a casa. Stiamo vivendo giorni particolari, mi manca tantissimo il campo. Non vedo l’ora di tornare a calciare un pallone, per ora mi tengo allenato con la palestra e la corsa. Mi alleno insieme a mia moglie, così almeno la testa pensa di meno e si può lavorare meglio.

L’obiettivo è farsi trovare pronto per quando ricomincerà la Serie A:

Voglio presentarmi al 100% per quando torneremo ad allenarci con la squadra. Ho gli stessi stimoli di prima dello stop, vogliamo continuare lo strepitoso cammino fatto fino alla partita contro il Bologna.

Stesso discorso e stesse ambizioni anche dal punto di vista personale:

Voglio tornare a segnare e fare assist per conquistare i tre punti. Mi piace premiare un compagno che fa un bel movimento in zona gol. Immobile mi ha promesso un regalo per i tanti assist, un orologio non mi dispiacerebbe.

Embed from Getty Images

Lazio, Luis Alberto punta al ritorno in campo

Al centrocampista della Lazio è stato poi domandato quale fosse la sua miglior partita stagionale:

Non so quale sia stata la mia miglior partita stagionale, forse quella di San Siro contro il Milan. Non importa, a me interessa giocare per la squadra perché voglio solo vincere. Adesso siamo secondi e dobbiamo lottare fino alla fine. La rimonta contro l’Atalanta ha cambiato la nostra stagione, dandoci una spinta di entusiasmo in vista delle tre partite che avremmo avuto subito dopo.

Poi Luis Alberto parla di Simone Inzaghi:

Il mister ci conosce bene, in campo siamo una famiglia e sa come farci rendere meglio. La partita di Riad contro la Juventus è stata emozionante solo per la conquista della Supercoppa, purtroppo non mi è piaciuto l’ambiente perché credo che il calcio vada giocato con i tifosi delle due squadre che si affrontano, non con quelli che sono neutrali.

Infine un auspicio per il futuro:

Spero di chiudere bene il campionato anche per conquistare un posto con la Nazionale spagnola, soprattutto in chiave europea. Cercherò di tornare ancora più forte di prima ma l’importante adesso è la salute di tutti. Ringrazio i tifosi per il sostegno, ci vediamo presto allo stadio.

Bundesliga, difficile partenza a maggio a porte chiuse

Serie A, Spadafora: “Prossime settimane si decide”