Lazio, Sergej Milinkovic: “Mi sento un leader e voglio restare qui”
Lazio, Sergej Milinkovic: “Mi sento un leader e voglio restare qui”

Lazio, Sergej Milinkovic: “Mi sento un leader e voglio restare qui”

Se da una parte c’è il caso Luis Alberto a macchiare l’arrivo di Maurizio Sarri e i primi giorni di lavoro, dall’altra c’è un Sergej Milinkovic che giura fedeltà alla Lazio, in virtù di un contratto che lo lega ai biancocelesti fino al 2024:

Mi sento ormai un leader, sono al mio sesto anno qui e vediamo di farne tanti altri. Vedo i giovani e penso a quando ero al loro posto, cerco di aiutarli come hanno fatto i senatori con me.

Embed from Getty Images

Lazio, Sergej Milinkovic: “Mi sento un leader e voglio restare qui”

Prima giornata di lavoro e prima doppia seduta con Maurizio Sarri nel ritiro ad Auronzo di Cadore, questo il commento dei Milinkovic ai microfoni del canale ufficiale biancoceleste:

Mi sento bene, vedremo nei prossimi giorni, saranno allenamenti intensi. Sono felice di essere qui, eravamo fermi da un mese e mezzo, mi mancava tutto questo. Stiamo subito lavorando con il pallone, qualcosa in campo cambierà perché ci sarà un altro modulo, il 4-3-3 al posto del 3-5-2, seguirò le direttive del mister Sarri. Giocheremo più palla a terra e non vedo l’ora di iniziare.

C’è infine un pensiero per i tifosi:

Ci mancano – ha detto Milinkovic – e speriamo che con il nuovo anno possano tornare allo stadio. In questi 18 giorni di ritiro cercheremo di imparare tutto il prima possibile.

Copa América, vince Messi: lampo Di Maria, Argentina-Brasile 1-0

Euro 2020, verso la finale: petardi di tifosi inglesi sotto hotel Italia