Lazio, il presidente Lotito
Lazio, il presidente Lotito

Lotito sulla Salernitana: “Obiettivo ora è tutelare un patrimonio”

Claudio Lotito, co-patron della Salernitana, ha parlato alla cerimonia di premiazione organizzata dal Comune per celebrare la promozione in serie A della squadra campana:

Noi oggi ci troviamo purtroppo di fronte a un problema, che è normativo. Dobbiamo cercare di trovare una soluzione che contemperi le esigenze della città con il rispetto delle regole.

Parlando della questione multiproprietà, per la quale dovrà cedere le sue quote entro il 25 giugno, l’imprenditore ha spiegato:

Faremo di tutto affinché la Salernitana continui in questo tragitto, in questo percorso di solidità, di forza sportiva e, soprattutto, di organizzazione.

Embed from Getty Images

Lotito sulla Salernitana: “Obiettivo ora è tutelare un patrimonio”

Lotito ha garantito:

È nostro compito sicuramente non disperdere questo patrimonio e soprattutto quello che abbiamo fatto. Anzi, lo vogliamo preservare e tramandare nel tempo. Vogliamo che la Salernitana continui in questo cammino perché oggi è una delle venti società del calcio che conta.

Infine Lotito ha ricordato l’inizio della sua avventura a Salerno, dieci anni fa, proprio nel Salone dei Marmi alla presenza dell’ allora sindaco Vincenzo De Luca.

Entrando in questa sala, sono tornato indietro con la mente, ricordando con quanto entusiasmo siamo stati accolti. Oggi un interesse prevalente è stato soddisfatto: la passione che questa città ha per il calcio. La prima cosa che mi ha galvanizzato in quel compito di cui ci siamo fatti carico è stata proprio l’ entusiasmo che questa città ha nei confronti del calcio. Ora serve trovare la soluzione rispettosa delle regole che consentirà alla squadra e alla società di proseguire in questo cammino e di rappresentare sempre nel calcio che conta la città di Salerno.

Barcellona, Koeman vuole di più da Messi

Barcellona, Koeman: “Non ho più sentito la fiducia da parte del club”

La WWE torna live con un tour in 25 città a partire dal 16 luglio