Inter, Perisic
Inter, Perisic

Perisic: “Anno incredibile al Bayern, ora voglio conquistare Conte”

Ivan Perisic è tornato all’Inter dopo il prestito al Bayern Monaco. Il curriculum del croato è stato arricchito dal Triplete vinto con i bavaresi al termine di un’annata incredibile con Bundesliga, Coppa di Germania e Champions League portate all’Allianz Arena

Ho avuto un anno incredibile, ho vinto tre trofei con una grande squadra. All’inizio non è stato facile, ho avuto un po’ di problemi col primo allenatore, dopo a febbraio mi sono rotto la caviglia. Ma, nonostante questo, siamo usciti da questa situazione e abbiamo vinto tutto. È stato un anno positivo, ma ora sono ritornato e sono contento. Ci sono ancora due anni di contratto con l’Inter e spero che quest’anno possiamo fare grandi cose. Sono pronto.

Embed from Getty Images

Ai canali ufficiali nerazzurri Ivan Perisic ha poi raccontato le sue impressioni in vista di questa stagione, dove avrà l’opportunità di giocarsi le sue chance in nerazzurro:

Mi aspetto un anno positivo, l’anno scorso ho visto quasi tutte le partite dell’Inter dei miei amici e di ex compagni. Ero il tifoso numero uno dell’Inter, peccato perché erano vicini a vincere in tutte le competizioni.

Perisic: “Anno incredibile al Bayern, ora voglio conquistare Conte”

Nell’ultima giocata dalla squadra di Conte a San Siro contro il Pisa e vinta 7-0, Perisic ha giocato per tutti e novanta minuti sulla fascia sinistra:

È stata la prima volta dopo tre mesi in campo per l’intera partita. Non è stato facile, ma serve tempo e lo sappiamo che al mister piace lavorare tanto. Siamo sulla buona strada, in spogliatoio ho visto tanta voglia: tutti sono pronti e hanno una fame incredibile.

Intanto l’Inter ha annunciato il numero di maglia del nuovo acquisto Arturo Vidal. “Dopo l’ufficialità del suo trasferimento in nerazzurro”, si legge nella nota, il centrocampista “ha scelto il numero che lo accompagnerà nella sua avventura interista: il 22”.

Calciomercato, Dzeko resta a Roma

Calciomercato: Milik e Dzeko, i due “prigionieri” di Napoli e Roma

Fiorentina, il presidente Rocco Commisso

Fiorentina, Commisso: “Voglio distruggere il Franchi, mica è il Colosseo”