Roma, Fonseca: “Abbiamo regalato la vittoria al Milan”

L’analisi di Paulo Fonseca, allenatore della Roma, dopo la sconfitta a San Siro contro i rossoneri:

Abbiamo giocato una buona partita nel primo tempo, equilibrata, senza grande intensità ma siamo stati in controllo. È vero che nella ripresa dopo 10 minuti il Milan ha iniziato a pressare più alto senza però arrivare a conclusioni pericolose. Dopo abbiamo regalato la partita con una situazione simile a quella avuta contro la Sampdoria, poi è stato difficile recuperare. Nel secondo tempo il Milan è stato più fresco ma l’occasione gliela abbiamo regalata noi.

http://gty.im/1223094835

Per il tecnico della Roma la sconfitta non cambia qualcosa nella corsa Champions:

No, dobbiamo lavorare per vincere ogni partita, a cominciare dalla prossima. La verità è che anche nella ripresa il Milan non ha creato situazioni, abbiamo controllato quasi sempre le loro azioni, ricordo solo un’occasione con un tiro da fuori. Noi eravamo bassi, in difficoltà a uscire con la loro pressione.

Roma, l’analisi di Fonseca dopo la sconfitta con il Milan

Fonsce ha poi proseguito la sua analisi:

La condizione fisica ha influenzato il momento. Non è una scusa ma la realtà è che il Milan era alla terza partita, noi alla seconda. Abbiamo perso due o tre volte palla senza riuscire a reagire. Anche in queste condizioni però non possiamo regalare il primo gol come abbiamo fatto oggi e come abbiamo fatto con la Samp. È vero che in questa ripresa del campionato le squadre non creano tante occasioni. Se non se ne creano tante, regalarne una come abbiamo fatto noi complica di molto le cose.

In vista delle prossime partite l’allenatore della Roma si è detto preoccupato soprattutto della condizione fisica:

Non c’è molto tempo per recuperare, giocheremo con due giorni di riposo. Mantenere la regolarità non è facile dovendo cambiare tanti giocatori, non è facile ma siamo pronti a lottare fino alla fine. Smalling e Mkhitaryan in scadenza dopodomani? Non sono preoccupato e non lo sono neanche loro, giocheranno con noi in questi mesi.

Robben ci ripensa: l’olandese lascia il “ritiro” e torna in campo

Milan, Pioli: “Abbiamo vinto perché siamo stati squadra”