Roma, Fonseca saluta tutti: “Porterò questa squadra nel cuore”

Paulo Fonseca, allenatore della Roma, nel corso della sua ultima conferenza stampa alla vigilia della partita di campionato contro lo Spezia ha tracciato un bilancio della sua esperienza in giallorosso. Il tecnico lusitano non cita una partita in particolare che ricorderà maggiormente:

Per me è stato un grande orgoglio aver l’allenato la Roma, ho imparato molto qui. I tifosi sono stati sempre gentili con me, così come le persone che hanno lavorato qui. Vado via con la Roma nel cuore. Abbiamo avuto tante belle partite, la squadra ha giocato un calcio positivo e penso che abbiamo giocato spesso un buon calcio. Difficile dirne una.

Su quale insegnamento lascia alla squadra, Fonseca ha detto:

La squadra deve avere equilibrio, è vero che qui c’è una pressione molto grande ma è importante non drammatizzare quando si perde. La squadra non è rotta perché non si arriva così alle semifinali di Europa League. Abbiamo dimostrato di essere ambiziosi.

Embed from Getty Images

Roma, Fonseca saluta tutti: “Porterò questa squadra nel cuore”

Poi sull’ultima partita contro lo Spezia, decisiva per l’accesso almeno alla Conference League:

Ci siamo allenati bene in settimana, i giocatori sono motivati e c’è la consapevolezza dell’importanza della vittoria. Siamo preparati per fare una buona partita. Lo Spezia è una squadra propositiva, con un allenatore che avrà un ottimo futuro, mi aspetto una squadra propositiva e difficile. Noi abbiamo l’ambizione di vincere, pensiamo solo a conquistare i tre punti.

Fonseca ha parlato anche del giovane Darboe, in corsa per una maglia da titolare:

È un ragazzo molto coraggioso, è la qualità che più mi ha colpito.

A proposito dei singoli, infine, Fonseca ha parlato di Dzeko e Pedro:

Con Dzeko abbiamo avuto un bel rapporto, l’ultima partita ha dimostrato che abbiamo risolto tutti i problemi che succedono in tutte le squadre. Pedro ha iniziato bene la stagione, poi ha avuto un problema fisico ed è stato difficile tornare al meglio, ma nelle ultime partite sta tornando il Pedro visto all’inizio.

Messi

Messi: “Ronaldo e Roberto Carlos i miei due rimpianti…”

Ondata Covid-19 in Argentina, stop ai campionati (non alle coppe)