Roma, Pinto contro il Var: “Siamo stanchi, non capiamo il criterio”

Il direttore sportivo della Roma, Tiago Pinto, ha parlato dopo la sconfitta di ieri sera al ‘Franchi’ contro la Fiorentina:

Arriviamo a due giornate dalla fine in una lotta intensa per l’Europa e continuiamo a non capire nulla. Ogni settimana abbiamo incomprensioni e situazioni senza un criterio comprensibile. Qui c’è stato un tocco che è diventato rigore. Chi conosce il protocollo sa che non è un episodio di intervento da Var. Non voglio andare contro nessun arbitro, guardiamo a noi stessi, tutti possono sbagliare ma arriviamo a fine stagione stanchi.

Il dirigente giallorosso prosegue:

E’ molto facile dire che la Roma ha un atteggiamento sbagliato in panchina e protesta tanto in campo ma le cose non cambiano, così come la nostra classifica. Dopo trentasei giornate, pur essendo una persona intelligente e sveglia, non capisco i criteri che vengono applicati in questa Serie A.

Embed from Getty Images

Roma, Pinto contro il Var: “Siamo stanchi, non capiamo il criterio”

Tiago Pinto ha poi concluso:

Non voglio dire che abbiamo perso dei punti, ci sono stati però tanti episodi che sono stati unanimi nel giudizio sbagliato contro di noi. Tutte le giornate abbiamo situazioni in cui non si capisce il criterio del Var e la Roma ha avuto molta sfortuna con situazioni incomprensibili. Il mio modo di essere è lavorare e non criticare, ma sono stanco che ci vengano fatti tanti complimenti per la Conference League, per rappresentare bene l’Italia, e poi nella partita dopo la conquista della finale veniamo trattati così. Sono stanco, ed è un anno e mezzo che continuo a non capire il criterio del Var.

Tennis, Djokovic: “Alcaraz oggi è tra i migliori al mondo”

Tennis, Sonego: “Non ho capito tutta quella scena di Shapovalov”