Sassuolo, Dionisi: “Napoli forte, ma vogliamo restare in alto”

Così Alessio Dionisi alla vigilia di Napoli-Sassuolo, 35ma giornata di Serie A in programma domani alle 15 presso lo Stadio Maradona:

Sulla partita contro la Juve c’è più di un rammarico ma bisogna guardare avanti e dobbiamo prima di tutto confermarci nella prestazione perché solo così potremo tornare a casa con un risultato positivo, sapendo che il Napoli è forte come la Juve.

Embed from Getty Images

Poi Dionisi ha sottolineato:

Dobbiamo arrivare a 50 punti e vogliamo migliorare quanto fatto all’andata. Siamo fermi a 22 nel ritorno da due partite, sappiamo che non sarà facile muovere la classifica domani ma abbiamo la volontà di mantenere la posizione. Abbiamo il Verona appena davanti a noi, ci sono il Torino e l’Udinese appena sotto. Siamo in 4 a giocarci dal nono al dodicesimo posto, dobbiamo essere bravi per cercare di mantenere la nostra posizione. Noi siamo in costruzione e lo siamo dall’inizio. Ora non dobbiamo accontentarci e prenderci ancora qualcosa in più per dare il giusto valore a quanto fatto.

Sassuolo, Dionisi: “Napoli forte, ma vogliamo restare in alto”

Il tecnico del Sassuolo ha spiegato:

Berardi è arrivato alla gara con la Juve non con tutti gli allenamenti. Questa mini-settimana è servita per mettere ancora più minuti. Non siamo a pieno organico ma può succedere. Non ci sarà Traore, non è stato bene e abbiamo deciso di non convocarlo. Mancheranno anche Obiang, Romagna, Toljan e Harroui. Djuricic? E’ andato in scadenza e credo che abbia sbagliato a dire quello che ha detto, se l’ha detto. E’ un ottimo giocatore e ragazzo, non sono neanche certo che abbia detto quelle cose lì. Ho parlato con lui, domani sarà disponibile. Ha avuto un infortunio quest’anno che l’ha tenuto fuori tanto, poi sarà utile da qui alla fine, magari le cose potrebbero ribaltarsi da qui alla fine anche sul suo futuro.

Napoli, Spalletti: “Credevamo allo Scudetto per il nostro grande calcio”

Mino Raiola Milan

Addio a Mino Raiola, se ne va il re dei procuratori degli ultimi anni