Lutto Bologna, addio al presidente Gazzoni

Il mondo del calcio in lutto, è scomparso questa mattina all’età di 84 anni Giuseppe Gazzoni Frascara. Era il presidente onorario del Bologna e alla guida della società dal giugno 1993 al settembre 2005.

Il Bologna dà la notizia della scomparsa di Gazzoni Frascara sul proprio sito internet, con una nota che ripercorre le tappe dell’avventura dell’imprenditore alla guida del club felsineo, iniziata negli anni Novanta:

Protagonista dell’operazione di salvataggio con cui acquistò il club dopo l’onta del fallimento, ha ricostruito società e squadra, riconquistando in breve tempo la massima serie (vittorie dei campionati 1994-95 in C1 e 1995-96 in B) e portando i rossoblù alla ribalta del calcio italiano.

A Gazzoni vanno associati anche gli acquisti di due big come Roberto Baggio e Beppe Signori:

Gli acquisti di autentici fuoriclasse come Baggio e Signori, la vittoria della Coppa Intertoto nell’agosto 1998 – un titolo in bacheca mancava dal ’74 -, le ritrovate partecipazioni europee con la memorabile cavalcata della squadra di Mazzone fino alla semifinale Uefa di 21 anni fa.

Embed from Getty Images

Bologna, è morto il presidente Gazzoni

E ancora:

Gazzoni ha riportato a Bologna entusiasmo e grandi giocatori, da Pagliuca ad Andersson, da Kolyvanov a Cruz, e tanti altri poi rimasti nel cuore degli appassionati, con Ulivieri, Mazzone e Guidolin come principali timonieri in panchina. Nell’autunno 2001 ha ceduto la presidenza a Renato Cipollini, rimanendo proprietario del Bologna per altri 4 anni prima di passare la mano a Cazzola.

Il comunicato prosegue poi con la nuova nomina ottenuta durante la gestione di Joey Saputo. L’attuale patron ha voluto mantenerlo in organico assegnandogli il ruolo di presidente onorario:

Investito del ruolo di presidente onorario sotto la gestione di Joey Saputo, ha sempre spiccato per saggezza e stile nel panorama del calcio italiano. Tutto il Bologna Fc 1909 partecipa al dolore della famiglia ricordando commosso il presidente Gazzoni, entrato a pieno titolo nella storia ultracentenaria del nostro club, che ha contribuito in modo determinante con il suo operato a far tornare importante nello scenario nazionale.

La ricetta consigliata da Messi per la quarantena

Totti: “Sarei potuto andare alla Lazio”