“Inter-Juve? Sparì audio Orsato su Pjanic”

L’ex capo della procura federale, Giuseppe Pecoraro, è tornato a parlare per la prima volta dal momento in cui rassegnò le sue dimissioni.

E le sue parole a “Il Mattino” hanno generato un vero e proprio putiferio tra i tifosi del Napoli, dal momento che si soffermano in particolare sulla partita di Serie A Inter-Juventus del 2018 diretta da Orsato e già all’epoca oggetto di polemiche a non finire (gli azzurri allora guidati da Maurizio Sarri erano in corsa per lo Scudetto):

È stata la direzione di Orsato di Inter-Juventus che mi ha portato ad avere delle tensioni con il mondo arbitrale. Avevo avuto esposti, sottoscritti, di associazioni, tifosi, organizzazioni sul suo operato e per non sbagliare chiesi ai miei vice se era il caso di aprire o no un procedimento. Io non credo che avremmo trovato prove di malafede e chiesi all’Aia prima e poi alla Lega, ai soli fini conoscitivi, i dialoghi audio-video tra Var e arbitro di quella partita. Ce li diedero solo a inizio campionato successivo. Ma lì ci fu la sorpresa…

Embed from Getty Images

Inter-Juve 2018, sparito audio Orsato-Pjanic

Il racconto di Pecoraro, infatti, prosegue così:

Apriamo il file e l’unico episodio in cui non c’è audio registrato era l’unico che ci importava: quello tra Orsato e il Var che aveva portato alla mancata espulsione di Pjanic. Motivo? Mi dissero che non c’era e basta. Sono certo che non ci sia stato dolo, ma ero obbligato a procedere, anche perché dovevo dare delle risposte a quegli esposti. Alla fine ho archiviato. Ed è per questo che c’ è bisogno di maggiore trasparenza.

Inevitabile che si siano generate molte polemiche sui social network, ma va sottolineato anche che la mancata espulsione di Pjanic, nel caso, sarebbe arrivata per doppia ammonizione e quindi non con rosso diretto. Ciò significa che almeno secondo il regolamento il Var non sarebbe potuto intervenire e che, in teoria, l’audio in questione non dovrebbe nemmeno esserci. In teoria.

9 ottobre 1967: nasce Eddie Guerrero, idolo del wrestling WWE

Liga, i giocatori chiedono garanzie