Serie A, Spadafora: “Disposti a rivedere le norme”

Ai microfoni di ‘Stasera Italia‘ su Rete 4, il ministro Spadafora ha dato una nuova indicazione sulla possibile ripartenza della Serie A:

Con sorpresa ho letto che la Lega Serie A ha difficoltà ad attuare un protocollo che ci è stato proposto un mese fa proprio dal mondo del calcio. In particolare mi riferisco proprio al discorso dell’autoisolamento delle squadre. Soltanto oggi i club si rendono conto di non avere le strutture, gli alberghi, per questo ritiro: questa misura è stata proposta dalla Figc, il Governo prende atto della nuova situazione, ne parleremo e discuteremo anche con il Comitato tecnico scientifico. Se per le squadre di Serie A non sarà possibile stare in isolamento, allora i calciatori tornino pure a casa, va bene, purché pero’ poi rispettino le regole minime per il distanziamento.

Embed from Getty Images

Serie A, Spadafora apre uno spiraglio

La linea quindi è niente ritiri per i club del nostro campionato di Serie A che non riusciranno a reperire le strutture necessarie, ma rigoroso rispetto delle norme di distanziamento sociale anche durante gli allenamenti.

Al riguardo ho letto sui giornali che qualche presidente furbetto, in barba alle regole, ha fatto allenare la squadra non rispettando le regole. L’auspicio è che nei prossimi giorni si seguano tutte le norme. 

Il vero problema resta un altro e spaventa tutto il mondo del calcio. La mancanza di certezze sulla ripresa del campionato di Serie A e, soprattutto, l’alto rischio di un nuovo stop a causa della norma, fortemente voluta dal Cts. Si tratta di quella che prevede la quarantena obbligatoria per tutto il gruppo squadra in caso di un solo, nuovo positivo al Covid-19:

Da parte nostra non c’è alcun ostruzionismo e nessuna voglia di mettere in difficoltà il mondo del calcio. Vediamo l’evoluzione dell’epidemia nei prossimi dieci giorni: se la curva del contagio ce lo consentirà, da parte del Governo c’è massima disponibilità a rivedere in modo meno rigoroso la regola sulla quarantena obbligatoria per tutta la squadra in caso di nuova positività.

Tyson spinge per un McGregor vs Mayweather II

Fiorentina, Ribery si allena… ma a casa