Strootman saluta il Genoa: “È stata la scelta giusta venire qui”

Kevin Strootman saluta il Genoa. Il centrocampista olandese in prestito dal Marsiglia e protagonista della salvezza del club rossoblù con le sue prestazioni, ha utilizzato Instagram per congedarsi dal Grifone:

Fin dal momento in cui ho messo piede in aeroporto e mi sono presentato al club ho avvertito calore e fiducia. Fin dal primo giorno nello spogliatoio ho capito che avevamo fatto la scelta giusta.

Il centrocampista olandese ha poi sottolineato poi l’affetto ricevuto in un momento difficile della sua vita:

Quest’anno – ha detto Strootman – ho perso la mia più grande sostenitrice, la mia tifosa più fedele, la mia cara mamma. Quanto le sarebbe piaciuto venire a Marassi a vedermi giocare con la mia nuova squadra! È stato un periodo difficile e complicato, ma grazie al sostegno incondizionato di compagni di squadra, staff, dirigenza e amici che mi hanno aiutato, sono riuscito a restare in piedi e a continuare a giocare al calcio. È un peccato che non abbia potuto giocare per Il Grifone in un Ferraris pieno e con il vostro sostegno.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Kevin Strootman (@kevinstrootman)

Strootman saluta il Genoa: “È stata la scelta giusta venire qui”

Incassati i saluti di Strootman, Ll tifoseria rossoblù con un comunicato ufficiale dell’ACG, l’associazione dei club, ha voluto rendere omaggio anche al tecnico Ballardini con una lettera aperta:

Hai voluto dimostrare attaccamento alla squadra e alla città tornando nel dicembre scorso, nonostante le parole e i pensieri di ‘qualcuno’ fossero contro di te. Ogni parola è superflua, forse ne basta semplicemente una: Grazie! Non sappiamo cosa ci riserverà la nostra dirigenza per il futuro ma a noi in questo momento poco importa, perché tu hai ormai meritato un posto nei nostri cuori. Grazie Zio Balla!

Embed from Getty Images

Real Madrid, Zidane in conferenza

Real Madrid, ciclo finito per Zidane: se ne va pure Hazard

Bonucci Inter Juventus

Juventus, Bonucci: “C’era chi era pronto a farci il funerale…”