Torino, Juric punge Cairo: “A Verona bastava uno sguardo…”

Mercato e scelte tecniche. Si è parlato anche di questo durante la conferenza stampa alla vigilia di Torino-Verona, e nei raffronti tra le due società. Inevitabili per l’ex del match Ivan Juric, che oggi siede sulla panchina granata, spiccano i rapporti con la dirigenza:

Spero di essere compreso bene anche qui come lo sono stato a Verona. Io so quello che c’è da fare e so di aver ragione, adesso vediamo se gli altri condividono queste idee con me.

Embed from Getty Images

Torino, Juric punge Cairo: “A Verona bastava uno sguardo…”

Juric, a proposito di Tony D’Amico, il direttore sportivo dell’Hellas, ha evidenziato:

Non mi era mai capitato di trovare una persona con la quale mi sia trovato così bene. Siamo molto uniti, all’inizio fra noi ci sono stati alcuni scontri ma poi ci bastava uno sguardo per capirci. Il nostro modo di pensare e fare le cose è il medesimo. Con Vagnati invece ho iniziato a lavorare da poco, andiamo d’accordo professionalmente e spero di riuscire a creare un rapporto forte per il bene della società. Ma ci dobbiamo conoscere meglio.

A proposito degli infortunati Bremer e Djidji:

Hanno fatto passi avanti nell’allenamento di ieri. Faremo le ultime verifiche e poi vediamo quali scelte fare. Sanabria? È un giocatore molto tecnico e meno di potenza, deve avere sempre la carica agonistica che ho visto contro il Bologna, deve lottare e fare gol. In generale, quella contro il Verona sarà una partita tosta e dinamica, sono curioso di vedere se siamo arrivati al loro livello.

Gianni Infantino, presidente FIFA

Ufficiale, l’arabo proposto come lingua ufficiale della Fifa

Calciomercato Napoli, Giuntoli: “Facciamo chiarezza sul caso Manolas”