Zaniolo: “Con il Verona occorre stesso atteggiamento di Brescia”

Duecentoquattro giorni dopo Nicolò Zaniolo è tornato al gol e ha messo il punto esclamativo alla scorsa gara di Brescia, buttandosi alle spalle i sei mesi di stop e facendo tornare il sorriso ad una società e ad un ambiente che attraversano tutt’ora un periodo delicato.

Embed from Getty Images

Paulo Fonseca lo schiera per la terza volta consecutiva e lui lo ringrazia firmando il 3-0 al Rigamonti. La partita ideale per fargli tornare confidenza con il campo e con il gol:

Contava prima di tutto tornare in campo, ma il gol era senza dubbio ai primi posti, perché ti dà una grossa spinta per affrontare le prossime partite – ha raccontato Zaniolo ai canali ufficiali del club – ti dà fiducia, ti dà morale e soprattutto è servito alla squadra per vincere la partita di sabato. Sono contentissimo. Ho visto Diego che avanzava, so che è molto bravo a dare la palla in profondità. Ho attaccato la linea e mi ha servito. Un attimo prima di tirare ho pensato “ora ci provo” ed è andata bene. Sono molto felice di essere riuscito a segnare.

Zaniolo punta il Verona

La sassata di sinistro contro il Brescia, quella corsa verso un settore ospiti vuoto e la posa con le braccia aperte per farsi ammirare dai fotografi, un atteggiamento che a molti ha ricordato qualcun altro e sono iniziati i paragoni pericolosi: Francesco Totti sullo stesso campo fece il suo esordio in Serie A.

Zaniolo sta facendo lo stesso percorso, come se si fossero passati il testimone. Ma ora è troppo presto per pensare anche a questo, dato che mercoledì è in programma un altro importante impegno contro il Verona di Juric allo stadio Olimpico e non sono ammessi passi falsi:

Il Verona troverà la Roma delle ultime due partite. Dopo un blackout abbiamo ripreso una striscia positiva e ora con il Verona servirà lo stesso atteggiamento della sfida contro il Parma o contro il Brescia. Se giochiamo in quel modo possiamo vincere, senza dubbio.

Il messaggio ai tifosi della Roma

Fonseca, però, sa bene che la strada per il recupero completo di Zaniolo è ancora lunga e sarà importante dosare il giocatore per evitare eventuali ricadute, così che possa essere l’uomo in più per la squadra in campionato e anche in Europa League.

Il numero 22 giallorosso, infine, ha voluto mandare anche un messaggio ai tifosi che da prima dell’infortunio gli hanno sempre dimostrato tanto affetto:

Vorrei ringraziarli uno per uno per il sostegno. In molti mi hanno scritto “ci manchi”, ma ora sono loro a mancare a noi, perché in questo periodo non è semplice giocare senza la spinta del nostro pubblico. Dobbiamo pensare anche ai nostri tifosi che guardano le partite da casa e cercare di chiudere la stagione nel modo migliore possibile.

Gasperini: “Spiace per secondo rigore Juve, era vinta…”

Come tira i calci di punizione Lionel Messi: il tutorial

Come tira i calci di punizione Lionel Messi: il tutorial