I film sul Wrestling da vedere se sei un appassionato di questo sport

Quali sono i film sul wrestling più belli da vedere? Abbiamo messo insieme una lista, la nostra Top10, con alcuni dei migliori film, spettacoli e documentari sulla vita dentro e intorno al cerchio quadrato che crediamo piacerà a tutti gli appassionati di wrestling. Sicuramente tra tutte le piattaforme video Netflix sembra essere quella con più contenuti sul wrestling ma troviamo qualcosa anche altrove. Quindi, senza perdere altro tempo, ecco cosa guardare se amate questa disciplina.

Ecco i 10 film sul Wrestling da non perdere

The Wrestler (2008)

Randy “The Ram” Robinson (Mikey Rourke) era il più grande lottatore del mondo, negli anni ’80. Ora siamo nel 2009 e mentre le cose sono cambiate, mentalmente è rimasto bloccato lì nel buon vecchio 1989. Sta ancora lottando, anche se i soldi e il suo pubblico sono scomparsi da tempo. Il suo corpo che invecchia non può più sopportare calci e pugni. Per attenuare il dolore, si riempie di droghe. Per sbarcare il lunario fa la lotta nei fine settimana e passa i giorni feriali a riempire gli scaffali dei negozi di alimentari. La vita glamour che Randy ha vissuto una volta è finita da tempo, ma è solo sul ring, di fronte a una folla ruggente che non è perso e solo. Randy continua a lottare, perché non ha nient’altro.

Mickey Rourke si adatta perfettamente ai collant sbiaditi di Randy; il suo corpo muscoloso, carnoso, rotto e il suo volto maciullato incarnano egregiamente la vita di un uomo che ha vissuto così duramente che ora è rimasto prosciugato. Un film non sul wrestling ma su un uomo la cui vita è completamente vuota. Randy è un lottatore, ma potrebbe anche essere stato un banchiere d’affari o un dirigente pubblicitario; è chiunque abbia passato la sua vita a dedicarsi a un’unica ricerca, tanto da essersi autodistrutto da tempo, demolendo tutti e tutto ciò che lo circonda.

Dove vederlo: Apple TV, Rakuten TV, Google Play, Tim Vision, Chili TV

Sognando il ring (2019)

Il film della WWE Studios Netflix racconta la storia di Leo Thompson (Seth Carr), un giovane ragazzo con il sogno di essere una superstar della WWE che trova una magica maschera da luchador in una vecchia casa dopo essere stato inseguito da un gruppo di bulli. Questa commedia familiare segue il giovane ragazzo mentre entra in un torneo di wrestling al WWE Performance Center (la sede di WrestleMania 36) nella speranza di realizzare il suo sogno.

Perché è una buona opzione per i fan del wrestling: offre abbastanza “azione” e superstar della WWE troviamo infatti: The Miz, Kofi Kingston, Otis e Keith Lee

Dove vederlo: Netflix

Glow (2017)

La serie tv, che si concentra principalmente sul personaggio di Alison Brie, Ruth “Zoya the Destroya” Wilder, ed offre uno sguardo approfondito sulla formazione della famosa promozione GLOW tutta al femminile. Ognuna delle prime tre stagioni fa un enorme lavoro di equilibrio tra l’azione sul ring e il dietro le quinte drammatiche che prevedono una storia coinvolgente raccontata attraverso personaggi credibili, nonostante questi ultimi si presentino come personaggi più grandi degli stereotipi del wrestling.

Dove vederlo: Netflix

Beyond the Mat

Se pensate che The Wrestler di Darren Aronofsky fosse emotivo e deprimente quanto un film su un vecchio lottatore finito, allora dovreste probabilmente guardare il documentario Beyond The Mat di Barry W. Blaustein del 1999, che dà uno sguardo alla vita di lottatori come Jake “The Snake” Roberts e Terry Funk alla fine delle loro rispettive carriere (almeno all’epoca), così come di grandi nomi come The Rock, che ha fatto il suo debutto cinematografico con questa produzione. Questo film documentario non è mai uscito in Italia ma comunque online

Perché è una buona opzione per i fan del wrestling: qualsiasi fan ossessivo del wrestling ha probabilmente visto questo pezzo di film scioccante in un punto o nell’altro negli ultimi 20 anni, ma c’è una buona ragione per questo. Mai prima d’ora la vita dei lottatori era stata esposta in questo modo, e ciò ha contribuito ad aprire la porta a film simili negli anni successivi. È ancora più difficile guardare le scene dopo Darren “Droz” Drozdov considerando che è rimasto paralizzato dopo aver subito una lesione al collo poche settimane prima dell’uscita del film.

Dove vederlo: Questo film documentario non è mai uscito in Italia ma se cercate online lo troverete abbasta facilmente

The Big Show Show (2020)

Ad aprile 2020, Netflix ha lanciato The Big Show Show, una sitcom in otto puntate sulla star della WWE Big Show e la sua famiglia immaginaria. Ci sono diversi riferimenti al wrestling che hanno caratterizzato tutta la prima metà della stagione, ma si riprende davvero dopo che alcune star hanno fatto la loro entrata in scena a sorpresa.

Perché è una buona opzione per i fan del wrestling: anche se non c’è molto wrestling nello show, è comunque divertente per i fan di lunga data rivedere tutti i richiami ad alcuni dei momenti migliori di Big Show sul ring.

Dove vederlo: Netflix

Nobody Speak: Le complicazioni della libertà di stampa (2018)

Meno di un tradizionale documentario sul wrestling e più di un profondo tuffo nella battaglia legale che circonda il famigerato sex tape di Hulk Hogan che ha fatto crollare l’impero dei Gawker Media, Nobody Speak: Trials Of The Free Press offre uno sguardo dall’interno di una delle decisioni legali più cruciali per quanto riguarda la stampa libera nel 21° secolo. Con le riprese in aula di Terry Bollea (Hulk Hogan) che cerca di sostenere che lui e il suo personaggio del wrestling sono due persone diverse, è facile perdere di vista il pericolo della causa.

Perché è una buona opzione per i fan del wrestling: Nobody Speaks non è il tipico documentario sul wrestling, non è proprio un documentario sul wrestling, ma a volte è pazzesco vedere come diverse aree dei media si sovrappongano in un pazzo, glorioso casino che è il sistema legale degli Stati Uniti. Ha un tono più cupo rispetto ad altre voci di questa lista, ma vedere Hulk Hogan con la sua bandana iconica sul banco dei testimoni è piuttosto folle.

Dove vederlo: Netflix

Ronda Rousey Story: Attraverso gli occhi di mio padre

I fan del wrestling potrebbero essere arrabbiati con Ronda Rousey dopo che l’ex campionessa della UFC ha fatto alcune osservazioni controverse sui tifosi e sul modo in cui l’hanno trattata durante la sua breve apparizione nella WWE un paio di anni fa, ma questo non è un motivo per non dare un’occhiata al documentario dell’atleta Ronda Rousey. Questo documentario personale e intenso si concentra principalmente sull’allenamento di Rousey durante i suoi giorni di MMA, ed esplora le intense motivazioni dell’atleta.

Perché è una buona opzione per i fan del wrestling: Sebbene il documentario si concentri sulle carriere di Ronda Rousey nelle Olimpiadi e nelle MMA, è bello vedere il lavoro che l’atleta e l’ex campionessa della WWE Raw Women’s Champion hanno svolto nel suo intenso programma di allenamento che poi l’ha portata ai grandi successi che conosciamo.

Dove vederlo: Netflix

Super Nacho

Potrebbe non essere il miglior film di Jack Black o il miglior film sul wrestling, ma la commedia Super Nacho del 2006 ha contribuito a diffondere la parola del wrestling della lucha libre a sud del confine in Messico. Nel film, Black interpreta Ignacio, un cuoco di un orfanotrofio che sogna di diventare luchador. Per aggirare il divieto di lotta dell’orfanotrofio, Ignacio indossa una maschera e il soprannome di Super Nacho.

Perché è una buona opzione per i fan del wrestling: anche se non è amato dalla critica, Super Nacho presenta alcune scene di wrestling piuttosto umoristiche, soprattutto quelle con il famoso luchador Silver King, che interpreta Ramses nel film.

Dove vederlo: Chili TV, Tim Vision, Google Play, Apple TV

Foxcatcher, una storia americana (2014)

Foxcatcher è un dramma psicologico diretto dal candidato all’Oscar Bennett Miller e interpretato dal vincitore del Golden Globe Steve Carell e da Sienna Miller. Il film racconta la storia del lottatore, vincitore della medaglia d’oro olimpica Mark Schultz (Tatum), che vede una via d’uscita dalla povertà quando viene convocato dall’eccentrico multimilionario John du Pont (Carell) per trasferirsi nella sua tenuta e allenarsi per le Olimpiadi di Seul 1988. Nel disperato tentativo di ottenere il rispetto della madre che lo disapprova, du Pont inizia ad “allenare” una squadra di atletica leggera di livello mondiale e attira Mark in pericolose abitudini, rompe la sua fiducia e lo spinge in una spirale autodistruttiva. Basato su eventi reali, Foxcatcher è una storia avvincente e profondamente americana di uomini fragili che hanno riposto le loro speranze di amore e di redenzione in una disperata ossessione per la grandezza che sarebbe finita in tragedia.

Dove vederlo: Netflix,

Una famiglia al tappeto (2019)

Una famiglia al tappeto è uno scontro tra l’umorismo e il cuore, che racconta una storia che ispira e diverte con una miscela di toni unica. Un tipico film sportivo è facile da vedere, a patto che tu sia almeno un “fan del gioco che si sta giocando”. Ad alcuni potrebbe sembrare un semplice vecchio film sul wrestling, invece non lo è. C’è una bella storia sul potere della famiglia e sulla determinazione di un sognatore. Una famiglia al tappeto è basato sulla vera storia di Sareya-Jade Bevis, meglio conosciuta al mondo come la Superstar della WWE Paige (Florence Pugh). Cresciuta da genitori devoti al wrestling (Nick Frost & Lena Headey, Nick Frost & Lena Headey), Paige e suo fratello (Jack Lowden, Jack Lowden) aspiravano a lottare per la WWE. Ben presto i fratelli si trovarono sulla strada dei provini, con Paige che si spinse fino a diventare la più giovane campionessa della WWE.

Dove vederlo: Chili TV, Sky

Non perderti tutte le ultime notizie, i video e le curiosità sul mondo della WWE

Serie A, via libera alle 5 sostituzioni

Roma, rosso per 126 milioni di euro