WWE

WWE Backlash 2020, tutti i risultati del pay-per-view

 Al WWE Performance Center di Orlando (Florida) va in scena Backlash 2020, 15esima edizione dell’omonimo PPV prodotto dalla World Wrestling Entertainment.

Uno show in cui vengono messi in palio entrambi i titoli principali, ma che soprattutto consentirà a Randy Orton ed Edge di affrontarsi nel The Greatest Match Ever.

Nel kickoff subito un match titolato, quello per lo United States Championship. Apollo Crews si conferma campione battendo Andrade, aiutato anche dall’intervento di Kevin Owens, che impedisce ad Angel Garza.

WWE Backlash 2020

Con l’inizio del PPV WWE Backlash vero e proprio vengono messe in palio le cinture di coppia femminili: anche in questo caso le campionesse si confermano tali, quando Sasha Banks riesce a schienare con una culla Alexa Bliss.

Al termine dell’incontro l’amicizia tra The Boss e Bayley sembra ancora più salda che mai. A seguire è il turno dell’incontro tra Sheamus e Jeff Hardy, un match molto combattuto, che viene vinto dall’irlandese.

Si passa poi al match titolato con in palio il Raw Women’s Championship. L’incontro tra Asuka e Nia Jax termina per doppio count-out e la combattente giapponese riesce così a conservare la cintura.

Universal e WWE Championship

Il primo incontro con in palio uno dei due titoli principali a WWE Backlash 2020 è l’Handicap Match tra Braun Strowman e il duo composto da Jeff Hardy e The Miz. Nonostante la superiorità numerica, però, i due non riescono ad avere la meglio contro The Monster Among Men, che resta campione Universale.

A seguire è il momento del WWE Championship Match, con Bobby Lashley (accompagnato da MVP) che se la deve vedere con il campione in carica, Drew McIntyre. Lashley attacca ilo scozzese ancora prima dell’inizio dell’incontro, imprigionandolo nella sua Full Nelson. Serve l’intervento di tre arbitri per dividere i due e dare inizio all’incontro.

Una volta cominciato, Drew McIntyre soffre inizialmente, ma riesce a evitare che Bobby Lashley capitalizzi il vantaggio, scongiurando vari tentativi di conteggio. Alla fine riesce a vincere lo scozzese, mantenendo la cintura, sfruttando un misunderstanding tra Lana e Lashley, che porta alla distrazione di quest’ultimo e alla conseguente Claymore subita.

The Greatest Match Ever

Dopo aver assistito a un nuovo cortometraggio orientato sul comico, con protagonisti i Viking Raiders e gli Street Profits, si arriva così al main event di Backlash 2020, l’incontro in assoluto più atteso di questa notte di grande wrestling.

Randy Orton affronta Edge in quello che è stato definito The Greatest Match Ever della WWE, una rivincita dello scontro già avvenuto a WrestleMania 36. Un incontro davvero fantastico, che non ha tradito le aspettative. Le due leggende si sono affrontate in una sfida equilibratissima e piena di colpi di scena, con tanto di mosse prese in prestito da Eddie Guerrero, Triple H, Ric Flair, The Rock, Christian e Kurt Angle, e una presentazione omaggio all’ex annunciatore scomparso, Howard Finkel. Un match interminabile, davvero spettacolare. E alla fine è stata vinta in modo sensazionale da Randy Orton, grazie al Punt Kick, rispolverato per la grande occasione.

Behrami: “Non sono finito, il Genoa me lo farà dimostrare”

Kenneth Kristensen 75 chili di gamberetti

Calciomercato: i trasferimenti più strani della storia